Columbus Bridge -
Columbus Bridge

Implantologia a Carico immediato

Siete portatori di protesi totale oppure avete una dentatura in precarie condizioni o ancora non potete inserire impianti nelle zone posteriori per problemi di osso? Oppure più semplicemente volete un sorriso totalmente nuovo? Oggi grazie alla tecnica di implantologia a carico immediato “Columbus Bridge” basta inserire 4 o 6 impianti di lunghezza ed inclinazione opportuna e nel giro di 24 o 48 ore al massimo si può posizionare una protesi fissa avvitata agli impianti di 10 o 12 denti per arcata.

Questa tecnica permette di diminuire o quasi azzerare le tempistiche cliniche e di abbattere considerevolmente i costi per il paziente. È una tecnica assolutamente indolore sia durante che dopo l’intervento che viene effettuato in sedazione profonda con la presenza dell’anestesista in studio.

Il Columbus Bridge è una tecnica sicura e assolutamente garantibile messa a punto da un gruppo di studio dell’Università di Genova che la pratica con successo da più di 10 anni.

Quali sono i vantaggi del Columbus Bridge?

Il maggior vantaggio di questa tecnica di implantologia è la velocità di consegna di un’arcata dentale completamente nuova. In 24-48 ore avrete una dentatura fissa funzionale ed esteticamente di qualità. Basti pensare che sono necessari solo 4 impianti per arcata. Inoltre non vengono utilizzate tecniche chirurgiche di innesto osseo, che aumenterebbero i costi per il paziente oltre ad allungare i tempi di cura.

A chi è rivolta l’implantologia a carico immediato?

Consigliamo il Columbus Bridge ai portatori di protesi totale fissa o dentiera, a chi ha una dentatura in precarie condizioni, a chi non può subire innesti ossei e a chi non vuole aspettare tempi chirurgici lunghi per avere una dentatura completamente nuova.

Qual è la prassi per l’operazione Columbus Bridge?

I passi da seguire sono i seguenti:

  • Visita con il Dottor Siviero e screening preliminare per la valutazione dell’applicabilità dell’Implantologia a Carico Immediato.
  • Viene eseguita una panoramica dentaria (ortopantomografia) per valutare le condizioni della bocca del paziente.
  • Viene eseguita direttamente nel nostro studio e in pochi secondi una TAC dentale delle ossa mascellari per valutare la quantità di osso disponibile per l’inserimento degli impianti.
  • Per la sicurezza del paziente viene inoltre chiesta un’analisi del sangue.
  • Vengono valutati gli esami radiografici; rilevamento delle impronte dei denti per lo studio del caso, scelta del colore e indicazioni pre e post operatorie.
  • Si opera il paziente secondo la tecnica del Columbus Bridge che consiste nell’estrazione dei denti dove presenti, inserzione degli impianti e rilevamento delle impronte per la costruzione della protesi fissa a carico immediato, l’operazione avverrà sotto sedazione cosciente con medico anestesista in sala.
  • Dopo 24-48 ore dall’intervento chirurgico viene connesso il ponte fisso a carico immediato. Si tratta di una protesi in resina composita con sottostruttura in lega metallica.
  • Il paziente viene istruito sulle norme igieniche e dietetiche da adottare.
  • A 7-10 giorni dall’intervento viene rimossa la sutura.
  • Seguono gli appuntamenti di controllo.
  • A 4-6 mesi il ponte viene rivalutato per finalizzare la riabilitazione protesica con una semplice correzione del manufatto o, se necessario, con il confezionamento di una nuova protesi.

 

Esiste il rischio di rigetto per gli impianti?

Gli impianti dentali vengono innestati con viti in titanio che, come i dispositivi ortopedici di ultima generazione, grazie alla loro alta biocompatibilità fanno sì che non ci sia nessun tipo di rigetto da parte del paziente.

Quali sono le pratiche da seguire una volta ricevuto un sorriso completamente nuovo?

A 48 ore dall’operazione il paziente avrà a tutti gli effetti una dentatura fissa completamente nuova. Ovviamente nei giorni successivi all’operazione ci dev’essere un ritorno graduale all’alimentazione normale per permettere all’osso attorno agli impianti di guarire oltre ad un’attenzione per l’igiene orale.

Qual è la durata di questi impianti dentali?

Gli impianti a carico immediato Columbus Bridge possono avere una durata equiparabile a una dentatura fissa naturale. Molto dipende dal paziente e dalla sua capacità di mantenere un elevato standard di pulizia. Come qualsiasi altra tecnica impiantare, i ponti possono presentare negli anni piccole complicanze e quindi la necessità di riparazioni.

Ulteriori Informazioni sul Columbus Bridge

Non perdere altro tempo! Contattaci subito per ulteriori informazioni!

CASI CLINICI

PRIMA

caso 1 prima

DOPO

caso 1 dopo2

DOPO

caso 1 dopo

PRIMA

DSC_1230

DOPO

DSC_1897

PRIMA

columbus2 (2)

DOPO

columbus2 (1)

PRIMA

caso 3 prima

DOPO

caso 3 dopo

PRIMA

caso 2 prima

DOPO

caso 2 dopo

PRIMA

DSC_1910

DOPO

DSC_2890

Category:

ATTIVITÀ